A Ferrara troppe distrazioni

La juniores capitola nettamente in casa del Kaos Futsal con il punteggio di 2 a 7. Nonostante tanti momenti di buon gioco sulla prestazione dei verdeneri pesano troppe, decisive, ingenuità.

Campionato juniores – v giornata, 12 ottobre 2012

Kaos Futsal Vs Aposa FCD: 7 – 2 (p.t. 3 – 1)

Aposa FCD: Bassini, Fernandez, Apaza Napa, Dune, Zanasi, Trebbi, Nunez Apaza, Fantini, Pellizzari,  Ruffo, Bonazza. All. sig. Massari

Marcatori: Apaza Napa, Ruffo

La cronaca

In quel di Ferrara va in scena per la 5° giornata del campionato juniores Kaos-Aposa, partita molto difficile per i ragazzi verdeneri che si trovano di fronte una vera e propria corazzata con la prima squadra in serie A.

Partita che inizia subito con un buon ritmo e che vede le due quadra affrontarsi a viso aperto mettendo in luce degli scampoli di buon futsal, con i portieri protagonisti. Al 5° minuto però arriva la doccia fredda per i ragazzi bolognesi, che subiscono gol a seguito di un’ottima uscita dal pressing dei padroni di casa che con tre passaggi si trovano davanti a Bassini che nulla può. Aposa che comunque non si scoraggia, continua a macinare gioco mettendo anche in difficoltà la retroguardia dei ferraresi subisce il forcing ospite. Purtroppo però la fortuna quest’oggi non è dalla parte della squadra verdenera che crea sì tanto, ma si vede negata la gioia del pareggio prima da due pali, poi da una traversa colta da Apaza Napa che vedendo il portiere fuori lo cerca di scavalcare con un pregevole pallonetto dalla propria area ed infine, da un doppio salvataggio sulla linea di porta. Ed è così che il Kaos, come vuole la più classica delle leggi del calcio, raddoppia ancora una volta su un’uscita dal pressing fatta molto bene che permette a due giocatori estensi di trovarsi soli davanti a Bassini per segnare il più facile dei gol. L’inerzia della partita muta e ad approfittarne sono i neri di casa, ma Bassini  si erge sugli scudi compiendo un vero è proprio miracolo quando su tre tiri consecutivi risponde sempre presente salvando la propria porta. I bolognesi tentano una reazione, ma ancora la sorte si oppone con la palla che danza sulla riga ed usce dopo l’ennesimo palo della serata. Dall’altra parte, invece, i padroni di casa non falliscono un’occasione, trovando la terza rete ancora a seguito di un’azione ben orchestrata che lascia il portiere ospite in balia di tre avversari. I ragazzi di mr. Massari tuttavia non demordono e a poco dal termine, dopo il quarto palo di giornata, riescono ad accorciare con Apaza Napa che su punizione da dieci metri pennella la palla sotto la traversa.

Secondo tempo che inizia subito male per i verdeneri, oggi in verità in maglia bianca, che già al primo giro di lancette subiscono gol su un tiro da fuori area che vede Bassini per la prima volta un po’ disattento. Partita che comunque resta molto vivace e vede ergersi da protagonisti i due portieri, autori di buoni interventi che fanno rimanere il punteggio invariato. All’11° del secondo tempo arriva il gol della speranza verdenera con un’azione solitaria di Nunez Apaza che cerca di smarcare il portiere, il quale tocca la palla che carambola sui piedi di Ruffo pronto a segnare mettendo la sfera a fin di palo. I bolognesei, però, invece di tentare la rimonta, entrano in un breve ma letale momento di follia, che condiziona definitivamente la propria partita, regalando tre gol identici agli avversari, tutti su palla persa, da ultimo uomo, nel tentare di saltare il proprio diretto avversario. Gara compromessa e ultimi minuti di bargage-time, con i giovani Aposa che hanno giusto il tempo di cogliere l’ultimo palo. Partita che termina  con il risultato di 7 a 2 e verdeneri fermi in classifica a 6 punti.

Il commento

Ghinato, portiere della prima squadra e “aiutante” di mr. Massari in juniores, presente ieri in panchina si esprime comunque positivamente sulla prestazione dei giovani bolognesi: “Abbiamo mostrato momenti di bel gioco, contro una squadra forte ed organizzata, peccato per i tanti pali e per quei minuti di follia che hanno segnato la partita. Oggi, tuttavia, nonostante il risultato, si sono viste buone cose”.

Leave a Reply