Alla juniores non basta un tempo

I giovani di mr. Massari escondo sconfitti per 5 a 1 dalla sfida interna con il quotato Kaos Futsal. Dopo una convincente prima frazione, chiusa in parità, un paio di episodi sfortunati e un netto calo condannano l’Aposa nella ripresa.

Campionato juniores – xviii giornata, 25 gennaio 2013

Aposa FCD Vs Kaos Futsal: 1 – 5 (p.t. 1 – 1)

Aposa FCD: Bassini, Fernandez Caballer, Dune, Soldati, Trebbi, Anderson Nunez,  Ruffo (cap.), Apaza Napa, Capelli, Giusti, Bonazza. All. sig. Massari

Marcatori: Dune

Ammonito: Capelli

La partita

Per la diciottesima giornata del campionato juniores va in scena alla palestra Baratti di Bologna Aposa contro Kaos Futsal, la cui prima squadra veleggia in serie A1.I

Inizio del match ed è subito doccia fredda per i padroni di casa, con Apaza Napa che dopo appena due minuti perde una palla sanguinosa a metà campo lasciando via libera in contropiede ai ferraresi, che seppur non rapidissimi, permettendo un parziale recupero della difesa, non perdonano sfruttando un’involontaria deviazione di Nunez Apaza. La marcatura subìta non risveglia i padroni di casa, che appaiono contratti, quasi intimoriti dalla nomea degli avversari, ma tuttavia il temuto raddoppio non arriva. Inizia finalmente a vedersi una reazione felsinea, che culmina all’11° in un calcio di rigore per l’atterramento di Ruffo in area da parte dell’estremo difensore ospite. Sul dischetto va Dune, la cui prima realizzazione è vincente: mentre ormai tutti si portano verso centrocampo l’arbitro tuttavia fa ripetere poiché non aveva fischiato. Decisione forse un po’ fiscale ma giusta. Il secondo tentativo è però nefasto per il centrale dell’Aposa, che si fa respingere la conclusione dal portiere in spaccata. E’ lo stesso Dune tuttavia a farsi perdonare pochi minuti dopo trovando uno splendido tiro dalla lunga distanza che si infila nell’angolino basso della porta. Pareggio meritato, e tutti al riposo.

Il secondo tempo inizia con un giallo: su tiro di Ruffo, che si insacca in rete, l’arbitro fischia un precedente fallo su un giocatore ospite, annullando la marcatura. I verdeneri accusano la buona possibilità svanita e subito ne approfitta il Kaos Futsal, che sfrutta la lenta reazione della difesa di casa su una ribattuta di Bassini e si riporta in vantaggio. L’Aposa cerca di ribattere, ma le proprie sortite offensive sono ben contenute dal portiere estense. All’11° minuto arriva il terzo gol ospite, con una pregevole conclusione a fil di palo su cui il portiere verdenero non arriva. Lo scoramento in casa bolognese diventa evidente e il Kaos Futsal ne approfitta per portare a quattro le proprie reti, con un pallonetto un po’ fortunoso che nasce passaggio e che Bassini male considera, guardandolo insaccarsi non irresistibile nel sette. Negli ultimi minuti mr. Massari tenta la carta del portiere di movimento, ma ad approfittarne sono solo i ferraresi, che chiudono così sul 5 a 1.

Il commento

Nonostante una buona prima frazione non è soddisfatto l’allenatore verdenero: “Potevamo fare di più: nella ripresa, in particolare, siamo stati mentalmente molli. Peccato, perché non era una gara impossibile”. Sulla stessa lunghezza d’onda il d.g. Croci: “Abbiamo mostrato tutti i nostri limiti caratteriali, non si può scendere in campo dopo l’intervallo così poco convinti. Ripartiamo dalla prima frazione”.

Leave a Reply