C1: Aposa – Ponte Rodoni 2-0

Riscatto immediato per l’Aposa che dopo la bruttissima sconfitta della settimana scorsa a Castel Bolognese, coglie oggi una bella vittoria contro il Ponte Rodoni, formazione neopromossa, ma che occupava prima della partita la terza posizione in classifica. Ora però la domanda in casa bolognese è d’obbligo: qual’è la vera Aposa??? Quella di Sabato scorso o quella di oggi??? Sentenza rinviata al 2015, quando la formazione bolognese tornerà in campo per il campionato a Imola contro la Young Line. Sabato prossimo invece si giocherà l’ultimo turno di coppa e l’Aposa sarà impegnata in casa contro il Rimini.

APOSA: Meliadò (cap), Pescari, Dellapè, Bassoli, Bellucci, Sernesi, Improta, Marchi, Ruffo, Righi, Fantini. All. Milani

PONTE RODONI: Balboni, Basso, Beltrami (cap), Benatti, Bottoni, Casari, Cristofori, Finotti, Lomonaco, Scabello, Vitale, Osti. All. Beltrami

MARCATORI: 6° s.t. Improta 28° s.t. Bellucci

AMMONITI: Bellucci(A) e Bottoni(P)

Decima giornata di andata alla Palestra Corticella, dove si affrontano Aposa e Ponte Rodoni, terzultima contro terza del campionato.

Parte bene la formazione di casa che già al secondo minuto di gioco sfiora il gol: Tiro di Sernesi respinto da Casari, e tapin di Improta fuori di poco. Al 12° Bellucci in contropiede solitario arriva davanti al portiere avversario, ma sul tiro è meglio sorvolare. Due minuti dopo da posizione defilata sulla destra, Sernesi colpisce l’esterno del palo. Il primo pericolo per l’Aposa arriva al 16° quando Cristofori approfitta di un errore in disimpegno dei bolognesi, ma Meliadò di piede sventa la minaccia in uscita. Ancora pericoloso il Ponte Rodoni al 22° ma è ancora bravo per due volte Meliadò a dire di no a Finotti. Al 28° Ruffo si smarca bene e si trova solo davanti a Casari, ma la sua conclusione è messa in angolo dal portiere avversario. Si va al riposo con il risultato fermo sullo zero a zero.

Anche nella ripresa parte forte la formazione di Bologna con Improta che impegna subito Osti, subentrato nell’intervallo a Casari, poi con Ruffo e ancora il giovane portiere respinge. Al 2° minuto contropiede del Ponte Rodoni, salvataggio provvidenziale di Improta, ma Meliadò nel tentativo di evitare l’angolo serve involontariamente Vitale, che però calcia alto. Meliadò si rifà subito del mezzo errore con una bella parata sulla conclusione di Basso. Al 6° palla rubata da Ruffo che serve Improta il quale si accentra e lascia partire un tiro che si infila alle spalle di Osti per il vantaggio dell’Aposa. All’8° palla che dalle retrovie arriva in area bolognese, deviazione sporca di Dellapè, e tocco ravvicinato di Balboni sul quale Meliadò è provvidenziale. Al 12° sfortunati gli ospiti che colpiscono un palo direttamente da calcio di punizione calciato da Balboni. Ancora Ponte Rodoni, che al 20° fallisce una limpida occasione con Bottoni che calcia alto da posizione favorevole. Al 26° show personale di Basso che salta due avversari, entra in area, calcia in porta, ma ancora Meliadò, in uscita, copre bene la porta e sventa la minaccia. Al 28° contropiede bolognese con Improta che serve Bellucci che da destra realizza il gol del 2 a 0, chiudendo virtualmente la contesa. Il Ponte Rodoni si gioca la carta del portiere di movimento, ma il risultato non cambia: Aposa batte Ponte Rodoni 2 a 0.

Buon primo tempo dei bolognesi, a cui manca solo il gol, mentre paradossalmente nella ripresa l’Aposa cala ma trova i due gol che valgono vittoria e tre punti in classifica. Una buona risposta dopo il passo falso di Sabato scorso. Prossimo impegno per l’Aposa Sabato 20 Dicembre in casa contro il Rimini nell’ultima partita di coppa.

Leave a Reply