C1: Aposa – Virtus Cibeno 5-4

E finalmente venne il giorno dell’Aposa che alla quinta giornata di campionato, ottava partita stagionale, conquista la prima vittoria. Opposta in casa alla formazione della Virtus Cibeno, i bolognesi si impongono con il risultato di 5 a 4, dopo aver chiuso in vantaggio anche il primo tempo per 3 a 1. Bella ed importantissima vittoria per l’Aposa, ma questo non deve essere un punto d’arrivo, bensì un punto di partenza, quindi di nuovo tutti al lavoro pronti per la prossima sfida.

APOSA: Meliadò, Dellapè, Marzola, Bassoli, Bellucci, Stanghellini, Sernesi, Improta (cap), Bassini, Marchi, Maltinti, Fantini. All. Iattoni

VIRTUS CIBENO: Stassi (cap), Casceglia, Davoli, Cenci, Palmieri, Nosari, Amodeo, Bigarelli, Montanari, Muizz, Cerchiara, Baravelli. All. Caleffi

MARCATORI: 6° p.t. Bellucci(A) 7° p.t. aut. Bigarelli(V) 10° p.t. Davoli(V) 11° p.t. e 2° s.t. Marzola(A) 4° e 19° s.t. Bigarelli(V) 26° s.t. Sernesi(A) 28° s.t. Nosari(V)

AMMONITI: Improta(A), Montanari(V) e Nosari(V)

Quinta giornata di campionato che vede difronte alla palestra Corticella di Bologna i padroni di casa dell’Aposa e gli sfidanti della Visrtus Cibeno. Carpigiani a quota 6 in classifica che si presentano con l’ex di turno Riccardo Amodeo, e bolognesi invece ancora fermi al palo che vedono il rientro in campo di Marchi.

Primi cinque minuti di studio dove non succede nulla, poi a rompere il torpore generale ci pensa Marzola che con un tiro dalla distanza colpisce il palo. E’ il preludio al gol bolognese che arriva al sesto minuto: Dellapè dalla sinistra mette a destra per l’accorrente Bellucci che batte Baravelli. Passa solo un minuto e sulla palla in mezzo di Stanghellini interviene maldestramente Bigarelli che mette alle spalle del suo portiere per il 2 a 0 bolognese. Al 10° di un errore clamoroso dei bolognesi in fase di impostazione, ne approfitta Casceglia che batte Bassini, oggi titolare tra i pali dell’Aposa. Non passa neanche un minuto e l’Aposa allunga nuovamente con Marzola che approfitta come meglio non potrebbe dell’assist di Dellapè. Provvidenziale Bassini al 18° d al 22° quando sventa i tentativi di Amodeo prima, Bigarelli e Stassi poi. Si va così al riposo sul 3 a 1 in favore dell’Aposa.

Ottimo l’avvio di ripresa bolognese con Marzola che va ancora in rete, stavolta su assist di Stanghellini, firmando così la sua doppietta personale, ma soprattutto il 4 a 1 in favore dei suoi. La risposta dei carpigiani però non si fa attendere ed al 4° Bigarelli elude l’intervento di Marzola e mette il pallone sotto le gambe di Bassini: 4-2. Potrebbe mettere la parola fine alla partita l’Aposa ma un paio di contropiedi mal gestiti permette agli avversari di rimanere in partita, ed anzi, al 19° la Virtus va dal dischetto dei dieci metri (sesto fallo Aposa molto prematuro) e Bigarelli batte ancora Bassini. Un solo gol di vantaggio per l’Aposa e l’incubo che ad ogni fallo gli avversari batteranno un libero; ma i giocatori bolognesi sono bravi e non mandano mai gli avversari sul dischetto, ed al 26° rimessa di Improta per Sernesi che si accentra e dal limite batte Baravelli. Il doppio vantaggio piace di più ai bolognesi, ma al 30° un tiro apparentemente senza grosse pretesi si infila nell’angolo basso alla destra di Bassini. Si torna a soffrire quando mancano solo i due minuti di recupero, nei quali la Virtus colpisce un palo esterno con Amodeo, ma poi non succede più nulla. Finisce 5 a 4 in favore dell’Aposa che conquista così meritatamente la prima vittoria della stagione, abbandonando quel fastidioso ultimo posto nella classifica di campionato.

Bella vittoria per i bolognesi, il cui unico demerito è stato quello di non chiudere la partita nella ripresa, lasciando sempre aperte le possibilità per gli avversari. E’ una vittoria che da morale, e che deve essere vista come un punto di partenza, e non certo di arrivo, di questa stagione che è iniziata in modo non proprio semplice. Occorre lavorare sempre di più e sempre con maggiore motivazioni, senza credere che la salvezza sia già stata raggiunta perchè è ancora molto lontana.

Leave a Reply