Giovani raggiunti all’ultimo minuto

L’Aposa formato juniores impatta per 4 a 4 in casa contro il Montale FF. Risultato positivo e nel complesso giusto, seppur con un po’ di amarezza, considerando che a un paio di minuti dal termine i bolognesi conducevano per 4 a 2.

Campionato juniores – xiii giornata, 7 dicembre 2012

Aposa FCD Vs Montale FF: 4 – 4 (p.t. 2 – 1)

Aposa FCD: Bassini, Fernandez Caballer, Dune, Giusti, Zanasi, Trebbi, Bonfiglioli, Anderson Nunez,  Ruffo (cap.), Soldati, Capelli, Bonazza. All. sig. Massari

Marcatori: Dune, Ruffo, Fernandez Caballer, Anderson Nunez

La cronaca

Allo Sferisterio di Bologna il campionato juniores vede Aposa contro Montale: i padroni di casa attraversano un periodo non brillante mentre i modenesi sono terzi in classifica.

I primi a proporsi in avanti sono gli ospiti, ma il loro contropiede è neutralizzato da Bonazza che sceglie bene il tempo dell’uscita con i piedi. Con il passare dei minuti le due compagini si sistemano difensivamente, dando poco spazio alle sortite offensive avversarie. A rompere l’equilibrio provvede però al 9° un bello scambio fra Capelli e Dune, con quest’ultimo abile a siglare il gol del vantaggio verdenero. La reazione del Montale è immediata, con un pallone recuperato a centrocampo e scaricato sulla fascia di sinistra da dove parte un tiro ad incrociare su cui Bonazza con riesce ad opporsi. I bolognesi con accusano il pareggio e riescono a riprendere il pallino del gioco, sfiorando nuovamente la rete prima con Trebbi, la cui conclusione viene sventata in uscita dall’estremo difensore avversario, e poi con Dune che vede il proprio tiro, su punizione di seconda, ribattuto proprio sulla riga di porta. La pressione verdenera alla lunga però risulta proficua e a mettere il proprio nome sul tabellino dei marcatori provvede Fernandez, con un bel tocco che beffa il portiere in uscita. Aposa che va al riposo in vantaggio per 2 a 1.

Ripresa subito di marca ospite, con il Montale che trova il pareggio dopo pochi secondi, nuovamente con tiro ad incrociare dalla sinistra su cui Bonazza è un po’ indeciso. I bolognesi non ci stanno e si riversano in avanti, ma fra errori di precisione e buoni interventi del portiere avversario non trovano il gol. Su una punizione dai dieci metri ribattuta arriva però uno scambio tutto di prima che parte da Dune, abile a toccare per Fernandez Caballer il quale gira sul secondo pallo a Ruffo per la più facile delle marcature a coronamento di un gioco di squadra da applausi. Gli ospiti, con il cronometro che corre, tentano allora la carta del portiere di movimento, ma i primi risultati sembrano infausti, con Anderson Nunez che in scivolata sottrae la sfera proprio all’estremo difensore avversario trovano il 4 a 2. Tuttavia la mossa di mr. Iattoni, oggi sulla panchina del Montale FF, dopo questa prima incertezza, mette in evidente difficoltà l’Aposa, che invece di lasciar scorrere il tempo con il possesso palla, tenta tiri impossibili e giocate difficili, che regalano sfera ed inerzia del gioco agli avversari, bravi a recuperare in due minuti lo svantaggio, rischiando anche di vincere allo scadere.

Il commento

Non nasconde un po’ di amarezza mr. Massari: “Peccato, sopra di due gol potevamo vincere; dobbiamo ancora crescere”. Presente a vedere l’incontro anche l’allenatore della prima squadra Milani: “Aldilà del risultato, ho visto una squadra che sta crescendo, con tanti elementi interessanti e futuribili. Con attenzione, e senza correre il rischio di bruciare qualcuno, stiamo cercando di inserire quelli più pronti anche nel gruppo della C2 trovando spazio e minuti in allenamento e partita. Per ora sono molto soddisfatto dei nostri giovani”.

Leave a Reply