La juniores stecca la prima

Esordio amaro per i giovani di mr. Massari che reggono solo un tempo a Reggio Emilia. Sconfitta giusta, ma fortunatamente la pausa darà la possibilità di lavorare su condizione e affiatamento.

Campionato juniores – i giornata, 16 settembre 2012

Olimpia Regium Vs Aposa FCD: 7 – 4 (p.t. 1 – 2)

Aposa FCD: Bassini, Dune, Apaza Napa (cap.), Nunez Apaza, Fantini, Ruffo, Giusti, Pellizzari, Fernandez. All. sig. Massari

Marcatori: Ruffo (3), Dune

La cronaca

Nella bella cornice del Palahockey di Reggio Emilia va in scena per la prima giornata del campionato juniores il match tra Olimpia Regium e Aposa FCD. Inizio partita subito spumeggiante per gli ospiti che impongono il proprio gioco e concedono poco alla squadra di casa che infatti dopo appena due minuti si trova sotto nel punteggio grazie a Dune che è bravo a girarsi a centro area e ad infilare il portiere avversario. La marcatura subìta risveglia l’Olimpia che inizia a produrre occasioni da rete, trovando però sulla propria strada un ottimo Bassini. Il ritmo aumenta sempre più con il passare dei minuti e protagonisti diventano i due portieri, bravi entrambi a salvare le proprie squadre. A metà tempo buona possibilità per la cantera verdenera i cui atleti su un efficace aumento di pressione recuperano palla e tirano ad incrociare ma la sfera danza sulla linea di porta ed esce di pochissimo. I padroni di casa non rimangono tuttavia inerti impegnando ripetutamente Bassini e mettendo a referto anche due legni. Il portiere verdenero si supera al 24° quando prima neutralizza un tiro libero e poi sul successivo calcio d’angolo si tuffa rapidissimo e sfila la palla da sotto la traversa. Tre minuti dopo Dune e Ruffo decidono finalmente di non lasciare tutta la scena al proprio estremo difensore, e il secondo, ben impostato sul secondo palo, riceve il passaggio del primo per il più facile gol del 2 a 0. I trenta minuti sembrano ormai scaduti, Pellizzari cerca gloria ma trova il palo, ed invece i reggiani accorciano le distanze su calcio di punizione dal limite su cui Bassini non può nulla, ostacolato dal blocco del pivot di casa.

Dopo un’ottima prima frazione mr. Massari si aspetta che i suoi ragazzi insistano in questa direzione ma invece, alla ripresa del gioco, a dettare il ritmo è da subito l’Olimpia, che trova immediatamente il pareggio su un’incomprensione difensiva ospite. A riportare in vantaggio i verdeneri provvede Ruffo su punizione dal limite insaccata di sinistro su preciso appoggio di Fernandez, ma è l’ultimo lampo felsineo: arrivano infatti cinque minuti di totale black-out in cui i padroni di casa spadroneggiano realizzando in serie tre marcature, prima su punizione, poi con un bel tiro dai dieci metri, ed infine infilando Bassini in uscita solitaria. Un arrabbiatissimo mr. Massari chiama time-out e sveglia i propri ragazzi, e l’effetto è evidente. L’Aposa torna a giocare e a creare occasioni, avendo, a una manciata di minuti dal termine, la possibilità di riaprire il match su rigore: dal dischetto Ruffo però sbaglia. I verdeneri non si demoralizzano e si riversano in avanti, divenendo tuttavia vulnerabili ai facili contropiedi di casa, con cui i reggiani arrotondano il bottino. Ad accorciare le distanze provvede ancora Ruffo, che insacca su ribattuta del portiere. Il triplice fischio consegna all’Olimpia Regium una meritata vittoria per 7 a 4.

Il commento

Non si abbatte mr. Massari, che individua con chiarezza le cause della sconfitta: “Eravamo in pochi e con pochi allenamenti nelle gambe, lavoreremo questa settimana”. Nel prossimo weekend niente gare per l’Aposa juniores, che usufruisce del turno di riposo: un’ottima occasione, come sottolineato dal mister, per preparare la trasferta di Ponte Rodoni.

Leave a Reply