La juniores va!

I giovani di mr. Massari superano in casa 7 a 2 il Futsal Casina. Nonostante il netto punteggio finale, la partita rimane in bilico fino a metà del secondo tempo quando i verdeneri riescono ad avere la meglio sui coriacei avversari e diligare.

Campionato juniores – vii giornata, 26 ottobre 2012

Aposa FCD Vs Futsal Casina: 7 – 2 (p.t. 2 – 1)

Aposa FCD: Bassini, Fernandez Caballer, Apaza Napa, Dune, Zanasi, Trebbi, Fantini, Pellizzari,  Ruffo, Giusti, Bonazza. All. sig. Massari

Marcatori: Apaza Napa (2), Dune (2), Trebbi, Fantini, Zanasi

La cronaca

Secondo impegno casalingo per l’Aposa juniores che attende allo Sferisterio il Futsal Casina, formazione esordiente a livello giovanile. Partita che inizia in ritardo di circa trenta minuti a causa del mancato arrivo degli ospiti.

Inizio tutto di marca bolognese, con un Ruffo protagonista sfortunato, capace di prendere due pali in cinque minuti. A lui si accoda Giusti, che su un tiro sempre di Ruffo ben ribattutto dal portiere avversario, stampa sul legno la ribattuta. Il pivot classe ’96 capisce che forse non è giornata di marcature personali e si trasforma così in assist-man: scelta ottimale perché al 6′ su sua imbucata Zanasi è freddo nel battere il portiere e portare l’Aposa sull’1 a 0. A ricambiare il favore tenta poco dopo Trebbi, ma il tiro ancora di Ruffo è fuori di poco. La marcatura subìta sveglia il Cassina, che inizia a farsi vedere in avanti, prima con un pallonetto che esce di poco e poi con un’azione insistita che si conclude con una bella conclusione di poco a lato. Fantini tenta di rompere il buon momento degli ospiti, ma il portiere reggiano risponde presente e nel ribaltamento di fronte serve un buon pallone per la propria punta, abile nel difendere la sfera, involarsi verso Bassini e castigarlo con un gran tiro sotto l’incrocio. Pareggio e tutto da rifare per i verdeneri. Passa appena un minuto, tuttavia, e all’11’ si vede un’azione da manuale del calcio a cinque per i bolognesi, con Apaza Napa e Fantini che triangolano per poi quest’ultimo servire sulla fascia sinistra un freddo e preciso Dune, che riporta in vantaggio i suoi. Poco dopo è sempre Dune che cerca il gol, ma il suo tiro, deviato dal portiere, bacia la traversa. L’inerzia della partita è ora ben salda nei piedi bolognesi, che tentano di incrementare il bottino con Giusti, tiro ben controllato dall’estremo difensore reggiano e Ruffo, ennesimo palo per lui, su azione da calcio d’angolo. Al 25′, però, il Cassina ricorda a tutti di non essere spettatore non pagante, e Bassini si deve superare per deviare con il piede sinistro una velenosissima conclusione. Lo spavento dà una scossa ai ragazzi di mr. Massari, ma sia Fernandez Caballer che Ruffo trovano sulla loro strada un portiere reggiano che vuole dimostrare di non essere da meno del proprio dirimpettaio. L’intervallo interrompe le ostilità.

Alla ripresa del gioco neanche il tempo di sistemarsi in panchina e direttamente dal calcio d’inizio gli ospiti travolgono i poco attenti padroni di casa cogliendo, in un’azione che li mette da soli innanzi a Bassini, un clamoroso palo. I verdeneri rimangono interdetti, affidano ad Apaza Napa una timida reazione, ma ne seguono minuti con continui ribaltamenti di fronte e reggiani più volte vicini al pareggio. Al 9′ però avviene il break bolognese ad opera di Apaza Napa e Fantini. Il primo, in azione personale, sfonda centralmente driblando tre uomini e punendo di punta il portiere avversario, mentre il secondo, una manciata di secondi dopo, approfitta degli avversari ancora frastornati dalla rete subita rubando palla e realizzando il suo primo gol in maglia verdenera. Il Casina però non ci sta e appena un minuto dopo accorcia le distanze, con Bassini che riesce ad opporsi, in maniera spettacolare, alla prima conclusione ma capitola sulla ribattuta. La partita è vivace con azioni da ambo i lati e i pali ancora protagonisti: questa volta è Dune ad accarezzare il legno della porta. Gli ospiti iniziano però a scemare d’intensità e il loro portiere è chiamato agli straordinari. Nulla può tuttavia al 19′ su Apaza Napa che concretizza una prima ribattuta. Il quinto gol verdenero spegne gli ardori reggiani e così al 24′ c’è gloria anche per Trebbi, rapido e abile nel piazzare di piatto in fondo alla rete una palla servita da Dune su rimessa laterale. Allo scadere, infine, è lo stesso Dune a trovare la propria doppietta di giornata su una buona imbucata centrale.

Il commento

Molto contento a fine partita mr. Massari: “Abbiamo disputato una buona gara, venendo fuori alla distanza contro una squadra molto concreta e corretta”. Ruffo forse un po’ in ombra oggi? “Ha avuto sfortuna con i tanti pali presi, io lo sto provando anche laterale perché con la sua esplosività è giusto cercare di costruire un giocatore offensivo a tutto tondo, ed è normale che a volte faccia fatica. Questa squadra conta però tanti buoni giocatori, ed oggi si è visto il potenziale del gruppo. E i margini per crescere tutti, ancora, ci sono”.

Leave a Reply