Prima sconfitta stagionale

In un weekend amaro per i colori verdeneri arriva anche la prima sconfitta stagionale in C2, in casa di una Young Line che domina l’incontro dal primo all’ultimo minuto. Uno stop che riporta con i piedi per terra un’Aposa il cui obbiettivo è e rimane la salvezza.

Serie C2 – iv giornata, 13 ottobre 2012

Young Line Vs Aposa FCD: 6 – 2 (p.t. 2 – 0)

Aposa FCD: Ghinato, Bassini, Bellucci, Pozzi (Vice Cap.), Bamkallari, Improta, Ciccarelli, Gentilezza, Anderson, Bassoli, Marchi (Cap.), Carpino. All. sig. Milani

Marcatori: Marchi, Bellucci

Ammoniti: Marchi, Carpino

La cronaca

Per la quarta giornata di campionato, Aposa chiamata a una sfida difficilissima in casa della Young Line, compagine con budget e rosa da altissima classifica.

I verdeneri scendono in campo con Ghinato fra i pali, Ciccarelli ultimo, Bamkallari e Carpino laterali ed Improta nel ruolo di boa. Grande assente del match Hernan Dellapé, indisponibile per motivi personali. A lui un grande in bocca al lupo da tutta l’Aposa!

La squadra ospite subisce  da subito il gioco degli avversari. Dopo 4 minuti arrivano le prime due timide fiammate bolognesi con conclusione centrale, facile per il portiere, di Carpino ed una fuori dallo specchio della porta di Bamkallari. Il gioco continua ad essere altalenante da una parte e dell’altra fino al 15′, anche se le azioni Aposa sono solo deboli ripartenze senza mai la concretezza della conclusione. Al 20′  segna la squadra di casa dopo un errore della difesa verdenera. Marchi sbaglia uno stop su passaggio frettoloso di Bellucci al limite dell’area, gli avversari rubano palla e piazzano un tiro sotto la traversa. Lo svantaggio condiziona i verdeneri, che accumulano tanti errori associati a poche idee, e forse sentono l’assenza del carismatico Dellapè. Al 28′ raddoppio degli avversari che dopo una rimessa in favore si presentano davanti a Ghinato che prima si oppone ma poi nulla può  sulla ribattuta. Due a zero e tutti negli spogliatoi.

Alla ripresa delle ostilità mr. Milani presenta sul rettangolo di gioco Ghinato, Marchi, Pozzi, Carpino e Bassoli.

I verdeneri tentano subito una sortita che però non impensierisce i padroni di casa, tant’è che su una ripartenza a centrocampo Marchi viene ammonito per un fallo. Padrona assoluta del gioco è la Young Line, con i bolognesi che si affidano a sporadiche ripartenze che non impesieriscono il portiere biancoblù. Tuttavia al 6′ è proprio l’Aposa ad accorciare le distanze, grazie ad un ottimo spunto di Marchi che sulla linea laterale si beve l’avversario con una finta di corpo a protezione della palla, si lancia sulla fascia e scarica al centro per l’accorrente Bellucci che anticipa in rete difensore e portiere. La marcatura rinfranca i verdeneri che cominciano a credere nella rimonta e provano, senza successo, ad essere incisivi in fase di costruzione e conclusione. Propriò però nel miglior momento bolognese, gli avversari passano in vantaggio su una delle tante velocissime ripartenze. Il 3 a 1 tramortisce l’Aposa, che rimane in balìa dell’avversario, il quale così, facilmente, al 15′ segna ancora sull’ennesimo contropiede. A tentare una riscossa è, al 19′, su punizione guadagnata da Improta, Marchi, abile cecchino nell’occasione. Mancano ancora dieci minuti al fischio finale, una rimonta non sembra impossibile per l’Aposa, che tenta di aumentare il ritmo. I padroni di casa sembrano tuttavia di un altro livello, continuando a pungere Ghinato che prima si salva con un ottimo intervento, ma nulla può, al 24′, su un sombrero, non si sa quanto voluto oppure no, comunque pregevole, che vale la quinta marcatura. Partita conclusa e ultimi minuti tutti di marca biancoblù, con la sesta rete al 26′, su ennesima ripartenza e palla appoggiata sul secondo palo, e una traversa a tempo ormai scaduto. Triplice fischio che consegna una meritatissima vittoria ai padroni di casa.

Il commento

Brutta partita oggi dell’Aposa, mai entrata nel match. Più che tatticamente, il lavoro che devono fare i ragazzi è a livello di testa e di concentrazione. Pesa sicuramente l’assenza di Dellapé ma non deve essere una scusante, anche agli avversari oggi mancavano pedine importanti. Complimenti sicuramente all’ottima squadra di Mister Vanni che si è espressa con coraggio e personalità, mostrando un bel gioco collettivo e tanta concretezza. Tra le compagini incontrate fino ad oggi è apparsa sicuramente la più in forma, candidata senza dubbi alla promozione diretta. Per i ragazzi di Mister Milani invece si riparte da qui e dalla preparazione dell’importante gara di sabato.

Leave a Reply