Squillo casalingo!

Nella sfida fra le cenerentole della C1 l’Aposa mostra – finalmente – maggiore voglia e batte il Bellaria per 3 a 1. Prestazione convicente se non sul piano del gioco almeno per quanto riguarda il carattere, che oggi non è di certo mancato.

Serie C1 – xii giornata sabato 16 novembre 2013

Aposa FCD Vs Futsal Bellaria: 3 – 1 (p.t. 2 – 0)

Aposa FCD: Meliadò, Gentilezza, Nunez Apaza, Apaza Napa, Marzola, Ruffo, Carpino, Bellucci, Pozzi, Improta, Marchi, Bassini. All. sig. Croci.

Marcatori: Gentilezza, Carpino, FB, Marzola

Ammonito: Marzola

Espulso: Carpino

La cronaca

Partita da lotta salvezza a Corticella, dove l’Aposa ospita il Bellaria, compagine che precede i verdeneri in classifica. Entrambe le formazioni appaiono rimaneggiate, e da subito si capisce che sarà la voglia a prevalere sulla qualità.

Partono discretamente i bolognesi, coperti in difesa e desiderosi di pungere nella metà campo avversaria, dimostrando però tutti i propri limiti in fase realizzativa. Gli ospiti replicano con poca convinzione, attenti a non scoprirsi troppo, e i ritmi latitano. Appena l’Aposa si ricorda di spingere sull’acceleratore arriva il gol, con Gentilezza, al rientro dopo parecchio tempo, bravissimo a chiudere sul primo palo. Neppure il tempo di mettere la palla al centro e i verdeneri raddoppiano, grazie a Carpino che colpisce dalla lunga distanza concretizzando così un rapido scambio. Bellaria frastornato, ma sempre capace di colpire, come testimonia il legno che salva Meliadò, e così si va al riposo.

La ripresa vede nuovamente un’Aposa in avanti, e nuovamente possibilità non sfruttate dai padroni di casa. Il Bellaria ha però dimenticato i fantasmi del primo tempo, e appena ha l’occasione giusta accorcia le distanze. La partita diventa nervosa – la posta in gioco è altissima per ambo le squadre – e dopo un fallo su Carpino si scatenano parole e manate di troppo, con il laterale verdenero che si accomoda sotto la doccia anzitempo insieme a un avversario. Si rimane in quattro contro quattro, passano i due minuti ed è la squadra di casa a chiudere il match, con Marzola che mette il suo sigillo sulla partita. Fase finale con qualche occasione e altrettanti errori, da ambo le parti, ma la vittoria è verdenera.

Il commento

Ovviamente molto soddisfatto il d.g. Croci, oggi in panchina per sostituire l’indisponibile Dalena: “Vittoria importante, che può dare fiducia e coraggio. Non abbiamo un problema tecnico, ma solo di convinzione, i ragazzi devono capire che c’è ancora tanto spazio per fare bene. Una nota di merito particolare a Giulio Gentilezza, assente da tempo, che si però sempre allenato con costanza e che oggi, al rientro, ha subito dimostrato quanto vale. Questa è, per tutti, la strada da seguire”.

Leave a Reply