STAGIONE DA RECORD

A sigillare la miglior stagione della storia sportiva di Aposa dalla nascita nel 2011 arriva la sofferta vittoria contro un tonico Eagles Sassuolo.
Partenza tutta degli ospiti, che nei primi dieci minuti di gara impongono un ritmo che i verde-neri sembrano inermi nel seguire, subendo il doppio svantaggio dal bravo Di Norcia. Mr Luciani cerca di accendere la miccia nei suoi e cambia l’intero quartetto, mossa che in parte ristabilisce equilibrio in campo, ma Aposa non reagisce quanto deve ed è ancora Di Norcia a creare distanza. Si alza la difesa verde-nera e l’orgoglio porta Gerosa ed un positivo Nicolai a riaprire i giochi prima del riposo.
Al rientro in campo ancora Eagles e ancora Di Norcia (quattro reti per lui) ristabiliscono il break sul 4-2, prima che la gara cambi inerzia: Aposa riprende il controllo del campo, spinge nella metà-campo avversaria e, dopo aver colpito due legni, impatta ancora con Nicolai ed Aicardi.
A tre minuti dal termine il colpo del ko è di Stanghellini.
5-4 e meritato quarto posto, che non consente l’accesso ai play-off per distacco dalla seconda posizione occupata dal Pro Patria San Felice, autore di una cavalcata senza appelli, ma scolpisce un passaggio mentale importante sulle potenzialità future.
I complimenti del Presidente Fabio Cosenza per una stagione di crescita (tecnica e societaria) vanno a tutta la rosa ed allo staff per l’importante lavoro svolto in team: dai tecnici Filippo Luciani, Giovanni Vannini, Danilo Cristillo, Tiberio Neroni, Luca Bassi e Spartaco Massari ai dirigenti Roberto Croci, Vito Lafera, Nicola Vitullo e Massimo Montanari.
Ciò che conta ora è non fermarsi qui.

Leave a Reply