Una vittoria per Anderson!

I verdeneri non si fermano e vincono anche in casa dell’Osteria Grande, riscattando la pessima prestazione dell’andata, e raggiungendo il Ponte Rodoni al terzo posto in classifica. Da segnalare il primo gol in C2 di Micheal Ruffo.

Serie C2 – xxix giornata, sabato 27 aprile 2013

Osteria Grande Vs Aposa FCD: 0 – 4 (p.t. 0 – 2)

Aposa FCD: Meliadò (cap.), Dellapé, Dune, Ruffo, Pozzi, Carpino, Teglia, Bellucci, Improta, Marchi, Zazzetta, Bassini. All. sig. Dalena

Marcatori: Marchi, Pozzi, Ruffo, Improta

Ammonito: Dellapé

La cronaca

Ultima trasferta della stagione regolare per l’Aposa, ospite ad Osteria Grande in un campo all’aperto, sotto una leggera pioggerellina che rende non facile il controllo del pallone.

Partono subito assai bene gli ospiti che, dopo una manciata di minuti, con una bella triangolazione tra Zazzetta, Teglia e Marchi, trovano quest’ultimo sul secondo palo per la palla da accompagnare in rete con cui passare in vantaggio. L’Osteria Grande fatica a reagire e l’Aposa colpisce ancora con Pozzi, il quale in azione solitaria palla al piede smarca tre difensori e il portiere per poi battere a rete. I padroni di casa però non ci stanno, iniziano a rendersi pericolosi in avanti, ma Meliadò pare insuperabile. Al riposo, i verdeneri conducono 2 a 0.

La ripresa vede lo stesso copione del primo tempo, con una parte iniziale in cui l’Aposa conduce le danze e riesce a consolidare il proprio vantaggio. A strappare applausi, in particolare, è Micheal Ruffo, classe ’96 e prodotto del vivaio bolognese, bravo a ricevere palla, saltare il proprio diretto marcatore, e a battere preciso nell’angolino basso alla destra del portiere: per il giovanissimo pivot è il primo gol in C2. Il poker è invece opera di Improta, rapace sul secondo palo, concretizzando un assist di Pozzi. Nella parte finale del match l’Osteria Grande cerca di ridurre il passivo, ma Meliadò, ancora, fa buona guardia, preservando inviolata la propria porta.

Il commento

Una vittoria convincente che tutti, a partire da Ruffo, il più celebrato, per ovvi motivi, dedicano a Nunez Apaza, che ha sofferto un serio infortunio venerdì in amichevole con la juniores: forza Ander, siamo con te!

Leave a Reply