Buon successo casalingo

Serie D – xxiv giornata

Aposa FCD vs Castel Guelfo 1927: 8 – 1 (p. t. 5 – 1)

Aposa FCD: Meliadò, Cavicchi (cap.), Apaza Napa, Maletti, Brandolini, El Kaachi, Viola, Pozzi, Palmieri, Bastia, Domingo, Ghinato. All. sig. Milani

Marcatori: El Kaachi (1′, 6′ st), Apaza Napa (1′), Pozzi (7)’, Domingo (16′), Bastia (35′), Viola (23′ st, 25′ st)

La partita

Al palezzetto di viale Shakespeare classica partita di fine stagione fra un’Aposa che con il pareggio di Silla ha abbandonato ogni velleità di play-off e un Castel Guelfo senza particolari ambizioni di classifica. Da segnalare nel quintetto di partenza verdenero il giovanissimo Apaza Napa (classe ’95), terzo prodotto della juniores che mr. Milani lancia nella mischia dopo Anderson Apaza e il portiere Bassini in coppa Emilia. Prima dell’inizio si è osservato un minuto di raccoglimento in ricordo di Maurizio Cevenini.

Match fin dalle primissime battuta in mano ai padroni di casa, che in un paio di minuti si portano subito sul 2 a 0. Apre le marcature El-Kaachi che danza sul lato destro del campo e lascia partire un tiro che si infila alle spalle del portiere. Lo segue proprio l’esordiente Apaza Napa che trafigge l’estremo difensore avversario con una potente staffilata di sinistro. A chiudere un inizio bruciante provvede Pozzi che sigla la terza rete bolognese. Aposa che inizia però a perdere metri e concentrazione, regalando soprattutto falli e consegnando al Castel Guelfo, già a metà tempo, la possibilità di andare al tiro libero. Gli ospiti non si lasciano sfuggire l’occasione e accorciano le distanze dai dieci metri. La rete subita sveglia i ragazzi di mr. Milani che riprendono a giocare ed allungano nuovamente con Domingo, ben posizionato sul lato sinistro del campo. Arriva inoltre anche la prima rete stagionale di Bastia: il biondo centrale su un’apertura di Pozzi si sposta la palla di suola e segna calciando sotto la traversa del palo opposto. Prima del riposo da segnalare solo altri due tiri liberi per gli ospiti neutralizzati da Meliadò.

Ripresa giocata su ritmi molto più blandi, complici caldo e carenza di stimoli da ambo le parti. Padroni della scena diventano errori individuali ed interventi, positivi, dei due portieri. I verdeneri riescono in ogni caso da incrementare il bottino con la seconda marcatura di giornata di El-Kaachi, che insacca con un destro da centro area, e la doppietta di Viola. Triplice fischio e 8 a 1 finale.

Il commento

Il presidente dell’Aposa ringrazia avversari e direttore di gara per aver acconsentito, prima del fischio d’inizio, a ricordare con un minuto di raccoglimento Maurizio Cevenini, recentemente scomparso. “Era un amico di famiglia, una persona eccezionale, un grande bolognese – così ha commentato il numero uno verdenero – mi è parso un gesto doveroso, considerata anche la sua grande passione sporitiva, commemorarlo, seppur nel nostro piccolo scenario”. Il ds Canaider si sofferma invece sull’incontro, sottolineando la buona prova, i tre punti, e plaudendo il buon esordio di Apaza Napa, a dimostrazione di come, in società, si punti tantissimo sul settore giovanile.

Leave a comment