Un primo tempo orrido condanna la juniores

La formazione giovanile verdenera viene nettamente battuta in casa dall’Olimpia Regium. I bolognesi compromettono la gara nella prima frazione, nettamente dominata dagli avversari che vanno al riposo in vantaggio di ben 5 a 1.

Campionato juniores – xiv giornata, 14 dicembre 2012

Aposa FCD Vs Olimpia Regium: 3 – 7 (p.t. 1 – 5)

Aposa FCD: Bassini, Fernandez Caballer, Dune, Giusti, Zanasi, Trebbi, Anderson Nunez,  Ruffo (cap.), Apaza Napa, Bonazza. All. sig. Massari

Marcatori: Ruffo, Zanasi, Dune

Ammoniti: Ruffo, Giusti

La cronaca

La prima giornata di ritorno del campionato juniores vede giungere allo Sferisterio l’Olimpia Regium, miglior attacco del torneo e seconda in classifica dietro ai F. lli Bari.

Inizio del match e subito vantaggio ospite che va al gol con un tiro da lontano che scivola a centro area dove la boa reggiana fa il velo che beffa Bassini. I verdeneri tentano subito una reazione che pare positiva e proficua, con Anderson Nunez che ruba palla dai piedi del difensore avversario e diligentemente scarica al centro per l’accorrente Ruffo che pareggia. La marcatura bolognese è però solo un fuoco di paglia, e alla stessa seguono errori e buio che caratterizzeranno tutto il primo tempo. I ragazzi di mr. Massari sono infatti lenti e prevedibili in attacco e disattenti e svogliati in difesa lasciando praterie su cui una ben organizzata e talentuosa Olimpia Regium dilaga, avendo facile ragione di un Bassini che nulla può innanzi alle varie situazioni di inferiorità numerica. Quando l’arbitro manda le due squadre al riposo il tabellino è tanto impietoso quanto veritiero, con gli ospiti che conducono meritatamente per 5 a 1.

Alla ripresa delle ostilità l’Aposa pare avere almeno una maggiore verve offensiva, con il portiere reggiano finalmente impegnato. La seconda in classifica non resta tuttavia a guardare, si chiude bene cercando di pungere in contropiede, e proprio così trova la sesta marcatura e metà frazione con un’ottima azione orchestrata tre contro uno che libera il giocatore che chiude sul secondo palo. L’ampio bottino accontenta gli ospiti che abbassano il ritmo consentendo ai bolognesi di avere maggiore libertà di manovra. Ne approfitta Ruffo, che imbuca Zanasi centralmente, con quest’ultimo bravo a battere sotto le gambe il portiere avversario. Negli ultimi minuti, a partita ormai conclusa, prima l’Olimpia Regium trova la settima rete sulla prima incertezza di giornata di Bassini che si lascia scappare la palla dopo una punizione da 12 metri dando così la possibilità all’uomo sul secondo palo e di battere a rete, poi Dune accorcia dopo avere rubato pallo al limite dell’area.

Il commento

Prestazione veramente mediocre dei verdeneri, come sottolinea mr. Massari: “L’Olimpia ha vinto meritatamente dimostrando di essere un’ottima squadra; di certo noi le abbiamo agevolato la vita non giocando nel primo tempo”. Anche Ghinato, portiere della prima squadra sempre presente alle partite della juniores, non lesina critiche: “I reggiano sono la formazione più forte che abbia visto in questo torneo, se regaliamo anche una frazione di gioco è normale perdere così”. Tutti ora si aspettano una pronta reazione dell’Aposa a partire dal prossimo match interno contro il Ponte Rodoni.

a tempo ormai ascaduto arriva anche il gol di dune che ruba palla al limite dell’area e segna per il 7-3 con cui si chiude il match.

 

Leave a comment